Peñafiel

Peñafiel

/ Lunedì, 10 Aprile 2017 02:00

Sono andato a trovare un amico in provincia di Valladolid, un sommelier strasupermega innamorato dei vini, e abbiamo visitato la zona nella quale vive, passando, ovviamente, per Peñafiel.

Perché ovviamente? Perché è uno tra i borghi più affascinanti della zona, se non addirittura il più affascinante.

Già da qualche chilometro di lontananza si vede il castello, el “castillo”, posto su una collina; inespugnabile, dicono. Un esempio per l'umanità intera di come deve essere mantenuto un gioiello di epoca medievale, non a caso è stato dichiarato monumento nazionale; non una pietra fuori posto, non una imperfezione, bianco latte.

[googleMaps align="right" addr="peñafiel" zoom=5 label="GOOLE_MAP_LABEL" width=400 height=300]Entrati nel castello, visitabile per 3,50 € (6,50 includendo il museo del vino)...che non è tanto per quanto sia bello, è presente una delle installazioni più caratteristiche della Spagna vinicola: un grappolo d'uva metallico, in versione contemporanea, una vera opera d'arte da ammirare, forse l'unica cosa moderna di un paesino apparentemente fermo agli anni della guerra civile spagnola. Non poteva essere altrimenti, a pensarci bene, essendo il benvenuto al museo del vino che, a detta del mio amico, è favoloso (io non l'ho visitato, mi dispiace, ma non sono un amante del vino) ed essendo il riassunto perfetto dell'economia della zona, una volta intrisa di traffico di cereali, ma adesso rifugio di cantine pregiate e belle da visitare. Non dimentichiamoci che qui siamo in zona “Ribera del Duero”, denominazione di origine protetta, che da decenni se la gioca per il prestigio nazionale con la zona del “Rioja”.

Questo borgo sembra dormiente, sembra uno di quei paesi in perenne siesta, assonnati da una ventina d'anni, anche trenta, nel corso dei quali nulla è cambiato e tutto è rimasto stabile, uguale a sé stesso. Non è un elemento negativo, anzi, ha il suo fascino indiscutibile: nulla è moderno, all'avanguardia, il centro storico è veramente storico, ed è il motivo per cui Peñafiel è famosa.

20170405 114411Una curiosità: la piazza storica del borgo, sterrata, è chiusa in ogni suo lato da case con balconi, dai quali si poteva gustare la festa del paese, che si svolgeva, appunto, al suo interno. Molta gente vi si riversava ogni anno per assistervi, essendo molto caratteristica, e i proprietari delle case, non solo affittavano per le occasioni le stanze che danno sulla piazza, ma addirittura le vendevano. In pratica la casa continuava a essere della famiglia, a eccezione di quella stanza, la cui proprietà si è tramandata ancora oggi agli eredi di coloro che la comprarono. Succede, adesso, che la gente non vuole abitare in una casa nella quale degli estranei possono irrompervi e soggiornare in una abitazione, per tanto la maggior parte di esse sono disabitate, e si riempiono solo nei giorni di festa.

Un qualcosa che, fino ad oggi, non avevo mai udito. Strano, ma vero.

 

Guarda la galleria delle immagini

 

K2_AUTHOR

Davide Urso

Davide Urso

Viaggio il mondo.

or

Articoli pubblicati

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Testata2

Instagram

Please publish modules in offcanvas position.