La Georgia e il secondo mondo

La Georgia e il secondo mondo

/ Sabato, 30 Gennaio 2016 01:00

La Georgia tra Tbilisi e Batumi

Perché parlo di queste due città?

  1. sono le due città più importanti

  2. sono le due città più belle

  3. sono le uniche due città, nel vero senso della parola.

La Georgia è una nazione piccolina, confrontata alle dimensioni italiane; ha meno di quattro milioni di abitanti e una superficie quanto Piemonte, Sicilia e Sardegna messe assieme.

[googleMaps align="right" addr="Tbilisi" zoom=4 label="GOOLE_MAP_LABEL" width=400 height=300]

Se volete andare a visitare una nazione comoda e benestante, lasciate stare, cambiate meta. Se volete invece vedere una nazione vera, fatta da gente di cuore e con delle bellezze naturali diverse dalle nostre, andateci.

Il costo della vita è molto basso, una settimana di vacanza sarebbe molto economica e vi permetterebbe di sfiziarvi, come non potreste fare in Svizzera o in Australia o in Nuova Zelanda. Ma non è di questo che voglio parlarvi, perché l'aspetto economico mi piace relativamente poco. Credo bisogni visitare un luogo perché si ritiene interessante capire come funziona la vita lì, per vedere i posti tipici e mangiare le prelibatezze della zona, non perché la vacanza sarebbe agevole. Ognuno, comunque, fa i propri conti con le priorità che ritiene migliori.

autobusArrivato a Tbilisi (i voli internazionali arrivano nella capitale) avevo due opzioni: prendere uno scalo per Batumi, dal momento che la mia destinazione finale era un paesino turistico che si affaccia sul Mar Morto, oppure utilizzare uno dei mezzi di trasporto più comuni nel paese: il pullmino. Un autista e una decina di passeggeri, tra cui molti locali che trasportano tutto, dalla carne alla verdura, dalle valigie ai passeggini. Io fui sfortunato e mi capitò una signora che trasportava cipolle. Una puzza per tutto il viaggio che forse potreste immaginare annusandone profondamente una andata leggermente a male! Il tragitto durò sei ore e poco più e nel mezzo della strada si vedevano mucche e animali vari pascolare, anzi, passeggiare. Al lato molti, ma molti negozi di terracotta che esponevano lungo la strada. Molte volte la puzza di letame sopraffava quella delle cipolle, ma durava poco. Il paesaggio, a dispetto di ciò, è veramente affascinante; la vera Georgia è quella che attraversa la nazione, tra colline e vallate, tra baracche e greggi. Poi giungono le realtà cittadine, dove il benessere è arrivato già da qualche anno.

A Kobuleti, ad esempio, gli hotel e i turisti c'erano. C'era anche la spiaggia di ciottoli che brutta non era, ma bella neanche; una spiaggia normale, diciamo. Ciò che era bello era il lungomare, che ti permetteva di passeggiare e scegliere un bar, un pub o un ristorante “moderno”, oppure uno dei tanti localini casarecci, laddove l'igiene è un optional. Sarà che noi europei siamo abituati a uno standard veramente troppo alto, ma bisogna chiudere un poco gli occhi per accettare cibo tradizionale in rosticcerie che hanno odori strani, televisioni ancora in bianco e nero, antenne poste in bottiglie di plastica, tavoli senza tovaglia e sporchi. Superato questo aspetto, vi assicuro che la bontà del cibo è molto alta. Mi piacquero molto le loro specialità e la loro tecnica nel porre il coriandolo e l'aneto dappertutto; può sembrare stancante, ma ha il suo perché, e non lo dico per lecchineria.

grattacieloCome in Italia si può notare la differenza tra Roma e Milano, così la si può trovare in Georgia tra Tbilisi e Batumi. Una è a est e una a ovest, soprattutto una è storica e elegante, l'altra è moderna e funzionale. Vedere Tbilisi di giorno è tutt'altra cosa rispetto al vederla di notte, e non saprei dire quale delle due versioni preferire; Batumi invece è una città supermoderna, che non lascia spazio alla povertà che si potrebbe trovare nel resto del paese, ovviamente come regola generale, ma le eccezioni sempre si possono trovare.

Andavo a passeggio con un amico armeno e entrambi rimanemmo colpiti dalla bellezza di una chiesa armena, esternamente e interiormente – se ancora non conoscete la particolarità di queste chiese vi consiglio di studiarla; così come ci piaquero molto i diversi grattacieli, soprattutto quello con una sorta di ruota panoramica incastonata.

 

C'è un quartiere nuovo al lato della città che contiene le riproduzioni in scala delle principali attrattive mondiali: il Colosseo, la Casa Bianca, un mulino, il Partenone e qualcos'altro che non mi ricordo. Queste “riproduzioni”, però, non sono fini a sé stesse, ma sono utilizzate, a volte sono ristoranti e a volte hotel.

antennaSe vi chiedete che fine fa la tecnologia superata, quella cioè che viene sopraffatta dagli ultimi modelli, la risposta è che finisce tutta in queste nazioni, nelle quali le persone hanno un budget relativamente piccolo da spendere in cellulari, televisioni e prodotti simili.


Avendo una sua propria moneta, ci sono più attività di cambio del denaro che panifici. Non sono però degli uffici normali, ma delle bancarelle che si trovano per strada o delle cabine poste al lato di un alimentari, con gente che scrive sulle lavagnette i tassi giornalieri, che estrae una mazzetta di banconote dalla tasca e fa i cambi con una calcolatrice che sembra essere il loro unico aggeggio dotato di elettricità.

mercato 2Per il viaggio di ritorno decisi di prendere il treno, e rimasi colpito da un aspetto meraviglioso, segno che anche le nazioni meno progredite possono insegnare molto ai signori del primo mondo. Il biglietto per il treno è nominale, e fino a qui è poco il male, ma te lo controllano prima di salire e non a bordo: hai il biglietto? Bene, sali e goditi il viaggio; non ce l'hai? Spiacente, resta a terra. Invece di trattare male i cittadini e i turisti pretendendo multe e ponendo le persone nel dubbio di infrangere leggi, molto meglio prevenire.

Alla luce di quest'ultimo aspetto, e considerando che l'aeroporto principale georgiano era più o meno delle dimensioni di quello di Bari, tornai a casa grato di avere visitato una nazione che mai dimenticherò.

 

Clicca qui per la galleria delle immagini.

K2_AUTHOR

Davide Urso

Davide Urso

Viaggio il mondo.

or

Articoli pubblicati

« Novembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Testata2

Instagram

Please publish modules in offcanvas position.